Progetto “PULIAMO IL MONDO”

A cura della prof.ssa Daniela La Padula

 

“Per sostenere il mondo non serve essere un mito”: questo  lo slogan che ha visti coinvolti tutti gli alunni delle classi terze della scuola secondaria di Primo grado dell’Istituto Comprensivo di Serino lo scorso venerdì 27 Ottobre. 

I ragazzi accompagnati  dai propri professori hanno partecipato all’iniziativa di “Puliamo il Mondo”, il più grande appuntamento di volontariato ambientale del mondo che, nato a Sidney nel 1989 coinvolge ogni anno più di 35 milioni di persone. Dal 1993 in Italia è Legambiente che coordina l’iniziativa con il patrocinio del ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, del ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, di UPI (Unione Province Italiane), Federparchi, Borghi Autentici d’Italia e UNEP (Programma per l’Ambiente delle Nazioni Unite).

 Da un quarto di secolo, ogni anno volontari di tutta Italia si danno appuntamento per ripulire spazi pubblici dai rifiuti abbandonati. Con guanti, rastrelli, ramazze e sacconi ci si ritrova in piazze, strade, parchi urbani, lungo gli argini dei fiumi o delle strade statali, negli spazi “di nessuno” delle periferie. Giovani, anziani, italiani e non, amministrazioni locali, imprese, scuole, uniti da un unico obiettivo: rendere più vivibile e più bello il territorio in cui viviamo.

 I nostri ragazzi, grazie anche alla collaborazione del Comune di Serino, si sono recati nel bosco , località Maggese, muniti di guanti e sacchi per ripulire l’area che è stata invasa da rifiuti di ogni genere. Dopo una lezione introduttiva con l’esperto e volontario di Legambiente Antonio Giannattasio, la scolaresca ha raccolto con spirito collaborativo e sinergico ben 15 sacchi di rifiuti. Tra le cose più strane hanno trovato abbandonato tra il fogliame un paraurti di un’auto, un ventilatore, un triciclo e una sediolina piccola.

 “Puliamo il mondo” è soprattutto un gesto semplice da fare insieme per rinsaldare il rapporto tra ambiente e cittadini, comunità ed enti pubblici.